Filippo Sorcinelli La voce umana

Filippo Sorcinelli
Voce
 umana
The Human Voice
 

La voce dell’uomo da sempre è il più potente mezzo di comunicazione che possediamo. Il suono generato dal fiato si modula e bagna di emozioni l’interlocutore che, ora stimolato, ora esaltato, talvolta ingannato, diventa sommo protagonista della storia, disegnandone le conseguenze.
È il suono della voce a evocare suggestive rappresentazioni. Chi non s’immagina che all’udire un gemito si possa avvertirne anche l’odore?
La voce oggi dal suo uscire orizzontale s’incarna ed entra in sinestetica comunione con l’olfatto, tracciandone i contorni e frizzatamente spandendo nell’aria molecole di seduzioni assurde e variegate, di pelle in pelle, di immagini in immagini, di ricordi e di evocazioni senza fine. Poiché la diversità è la vera unione, dove un casuale contatto vocale stimola ammalianti odorati. Mai come oggi, vista, olfatto e suono sono così uniti: fotografia, profumo e voce oggi assumono chiara lettura attraverso la sinergia tra le mie materie olfattive e il SI FEST di Savignano. Un accordo perfetto che riesce finalmente
a fondere più concetti e più discipline, rompendo i muri, oserei dire troppo tradizionali di un purismo che nulla ha a che vedere con l’arte. Le fotografie assumono adesso più potenza; non più fermi immagine ma vita modulata dai sensi coinvolti, perché, ascoltando con il naso, dall’interno tutto si muove e si materializza proprio quella voce che avremmo sempre voluto sentire, o quel grido senza fine che delimita i nostri sogni più autentici nel cammino dell’esistenza.

 
Filippo Sorcinelli
 

Filippo Sorcinelli (Mondolfo 1975), artista underground e organista, virtuoso e iconoclasta, potrebbe accontentarsi di essere il sarto dei papi. Dopo gli studi all’Istituto d’arte di Fano e al Conservatorio “Gioacchino Rossini” di Pesaro, nel 1997 si perfeziona in organo presso il Pontificio istituto di musica sacra di Roma; è organista presso le cattedrali di Fano (1989-1998), Rimini (Tempio Malatestiano, 2012)
e San Benedetto del Tronto (2007-2013). Nel 2015 incide Francophilie, lavoro discografico dedicato alla musica francese. Parallelamente, nel 2001 fonda l’atelier LAVS (Laboratorio Atelier Vesti Sacre), noto per aver realizzato numerose vesti per papa Benedetto XVI e per la messa di inizio pontificato di papa Francesco. Nel 2013 l’atelier
partecipa alla mostra Saint Jérome & Georges de La Tour, organizzata dal Musée départemental Georges-de-La-Tour in collaborazione con il Louvre di Parigi. Riceve inoltre l’incarico di ricostruire i paramenti sacri in occasione
della ricognizione delle spoglie di papa Celestino V all’Aquila. Sempre nel 2013 Sorcinelli fonda Alter Duo, casa di profumi d’arte e di design che vanta 23 fragranze suddivise in cinque collezioni. Grazie alle produzioni delle due società, viene recensito da testate e TV nazionali
e internazionali. Nel 2015 riceve la benemerenza civica per i meriti artistici dal comune di Santarcangelo di Romagna e nel 2017 è protagonista di Voire et croire. Vedere e credere, mostra  antologica organizzata in suo onore a Porto Vecchio (Corsica), poi acquisita dal
comune di Mondolfo. Di recente per il paese marchigiano di Bolognola, colpito dal terremoto, ha creato il progetto olfattivo Epicentro. Fondatore e direttore artistico di Synesthesia Festival (Mondolfo), proprio al tema della sinestesia dedica Voce umana, essenza e progetto presentato al SI FEST 2019.

 


The human voice has always been our most powerful means of communication. Modulating itself, the sound produced by the breath bathes the interlocutor in emotions; now excited, now exalted, at times deceived, he becomes the supreme protagonist in the story, the one who works out its consequences.

It is the sound that the voice makes that evokes suggestive depictions. When hearing a moan who cannot imagine also being able to sense its smell?
Today, the voice that emerges like a horizontal presence, becomes incarnate, entering into a synesthetic communion with the sense of smell, marking out its outlines and spreading out like chilly bubbles into the molecular air of absurd and variegated seductions, skin
to skin, image to image, of memories and evocations without end. Because where a casual vocal contact stimulates entrancing scents, difference becomes genuine union. Today as never before have sound, smell and vision been so united: through the synergy between my olfactory receptors and SI FEST, the Savignano festival, photography, perfume and voice acquire a clear reading, a perfect accord that finally succeeds in melting down more concepts and disciplines, knocking down the – dare I say it? – all too traditional walls of a purism that
has nothing to do with art. Photographs now take on greater power; they are no longer images, but life modulated by the senses involved, because when you hear through your nose, everything moves from within and that voice, which we always wanted to hear, materializes as well as that endless scream that draws out our most authentic dreams along the path of existence.

Filippo Sorcinelli (born in Mondolfo in 1975) is an underground artist and organist. Both virtuous and iconoclastic, he could be perfectly happy being tailor to the Popes.
In 1997, after completing his studies at the Fano Art Institute and the Gioacchino Rossini Conservatory in Pesaro, he developed his skills as an organist at the Pontifical Institute of Sacred Music in Rome. He has been the organist at various cathedrals: Fano Cathedral (1989-1990), Malatesta Temple at Rimini (2012) and the Cathedral of San Benedetto del Tronto (2007-2013). In 2015, he recorded Francophilie, an album dedicated to French music. In 2001, he founded LAVS (Laboratorio Atelier Vesti Sacre – the Sacred Vestments Atelier), which is renowned for having created many vestments for Pope Benedict XVI and Pope Francis’ inauguration mass. In 2013, the Atelier took part in the Saint-Jérôme et Georges de La Tour  exhibition, which was organized by the Georges-de-La-Tour Departmental Museum in Moselle in collaboration with the Paris Louvre. He was also commissioned to restore the vestments for the identification of the remains of Pope Celestine V at L’Aquila. In 2013, Sorcinelli founded Alter Duo, a design company that also produces niche perfumes, a range of 23 scents divided into five collections. Through the production of these two companies, he has been the
subject of newspaper and TV reviews in Italy and abroad. In 2015, he was granted the civic merit award for artistic merit by the Municipality of Santarcangelo di Romagna and in 2017 was the central figure in Voir et Croire (See and Believe), an anthological exhibition held in his honour at Porto-Vecchio, on Corsica, and subsequently purchased by the Municipality of Mondolfo. Most recently, he has created Epicentro, a perfume project for the earthquake- devastated town of Bolognola, in the Marche. He is founder and artistic director of the Synethesia Festival in Mondolfo; to the theme of synesthesia he dedicates Voce umana (The Human Voice), an essence and a project being presented at SI FEST 201