Counter-Surveillance: H2


A project by Artists + Allies × Hebron
 
A Hebron, città della Cisgiordania divisa in due, le videocamere di sorveglianza sono piazzate ogni cento metri. Utilizzando tecnologie all’avanguardia, le forze di difesa israeliane monitorano in tempo reale la popolazione palestinese di H2 (l’area di Hebron sotto controllo militare israeliano), senza nemmeno informarla. 
H2 sarebbe già diventata una zona riservata alla sola popolazione ebraica se non fosse per la perseveranza dei palestinesi, che, pur trovandosi in uno stato di oppressione e di perdurante violazione dei diritti umani fondamentali, si rifiutano di abbandonare la propria terra. Continuando a vivere nelle loro case, tenendo aperte poche sparute botteghe di un antico mercato, un tempo fiorente, e curando i propri ulivi, gli abitanti tengono viva la speranza che un giorno questa terra sarà restituita ai suoi proprietari.
Counter-Surveillance in H2 presenta le immagini delle videocamere che un gruppo di artisti ha collocato ad H2. Tutte mostrano gli uliveti della città, in gran parte presenti da più di novecento anni e sottoposti dai coloni ebrei ad attacchi e incendi continui. Quelle videocamere ricreano l’effetto di uno sguardo elettronico incessante, appropriandosi di una tecnologia in genere usata come un’arma e impiegandola invece per costruire una comunità.

Counter-Surveillance in H2 è un progetto a cura di Issa Amro e Adam Broomberg, in collaborazione con Lena Holzer. Produzione di Batuhan Keskiner.